Andrea Beggi

If you think you are too small to be effective, you have never been in the dark with a mosquito.

Di blogroll, pagerank e feste

A T T E N Z I O N E ! Questo post ha piu' di sei mesi. Le informazioni contenute potrebbero non essere aggiornate.

Gaspar, ripreso da Massimo Mantellini mi chiama in causa nella discussione che si sta sviluppando sulla forma che il blogroll dovrebbe avere, dato che ho detto “togli il blogroll dalla homepage”, vorrei chiarire la mia posizione: perché ho fatto questa affermazione? Evidentemente mi sono spiegato male.

L’antefatto: alcuni mesi fa decido di rifare il template; mi piace molto lo stile minimalista, per cui cerco di togliere dalla homepage quanta più roba possibile. Decido di togliere la maggior parte dei banner, adesivi e disegnini. Voglio una pagina il più possibile pulita e veloce a caricarsi. Nello stesso periodo decido di cambiare radicalmente il blogroll: troppo trascurato, non lo aggiorno mai, c’è roba che non leggo più, che ha cambiato indirizzo o che addirittura ha chiuso. La soluzione è utilizzare la funzione di Bloglines che permette di pubblicare un elenco dei propri feed. Divido l’elenco dei miei feed in cartelle, e ne pubblico due. Viene fuori un elenco, ad oggi, di circa 130 link (centrotrenta, 1-3-0). In totale ci sono 373 feed nel mio aggregatore. Non li leggo sempre tutti, ma se sei in quei 130 stai sicuro che leggo tutti i post che scrivi, magari i post lunghissimi li tralascio, ma il 99% lo leggo. Dei restanti c’è circa un altro centinaio di feed che seguo con attenzione; al resto do una scorsa per vedere se c’è qualcosa che mi interessa.
Visto l’affollamento del blogroll (un “vero” blogroll, quindi) decido di mettere tutto in una pagina separata, senza pormi alcun problema: mi sembrava naturale. Ti interessa sapere quali blog leggo e reputo degni di più di un’occhiata distratta? Ok, li trovi qui, raggruppati in uno spazio tutto per loro.
Fatto ciò, dopo qualche tempo, il mio PageRank passa da 5 a 6. Il traffico è aumentato, ok, ma è da un po’ che è in aumento costante; mi viene da pensare che forse dipende dal fatto che in homepage ho meno link in uscita, ma poi non ci penso più di tanto.
Nei giorni scorsi preparo qualcosa per il BzaarCamp di Milano. WordPress e Google. E’ una presentazione che non ho fatto a Milano, ma l’ho preparata e la posto.
In mezzo a molti fatti, peraltro googolati e un po’ meditati, metto anche una mia opinione. “Io ho spostato il blogroll, e allora il PageRank bla bla bla….”.
Il post è assolutamente tecnico, non etico. I metodi illustrati non tengono in alcun conto l'”etica” della blogsfera: dovrebbe essere una roba asettica, né bene, né male solo cause-effetti. Io sono un tecnico, e volo basso; tutte le persone che hanno parlato al BzaarCamp hanno una visione delle cose che io non avrò mai; capisco e condivido quello che dicono, ma non sarei mai in grado di elaborare una mia visone originale così buona ed interessante. Quindi faccio il manovale: porto acqua e mi occupo di cose terra terra.
La mia teoria sul blogroll, tra l’altro, è confutata da Tambu, che è uno che di queste cose se ne intende: se avete visitato il suo blog almeno una volta, probabilmente conosce il colore dei vostri calzini.

Un altro motivo per cui ho spostato il blogroll, è dovuto a Bloglines: quando è down il blogroll non viene visualizzato. Se l’elenco è in una pagina a parte, pazienza; se è nella homepage ci sono grossissimi problemi a visualizzare il blog, perché il browser va in timeout aspettando del codice che non arriverà mai.

Per queste ragioni (blogroll troppo lungo, pulizia del template, dribblare i problemi di Bloglines) tengo il blogroll in una pagina a parte. Ma è un blog roll “vero”, ci tengo a ripeterlo. Sono i blog che leggo e che mi piacciono. Chi è stato a Milano ha sentito moltissimi, anche molto noti, ammettere che il loro blogroll era vecchio, scaduto, che leggevano altro ed era almeno un anno che non lo toccavano.
Cosa è meglio, allora? 10 link di tre anni fa in homepage oppure una pagina a parte dove c’è un elenco dinamico e aggiornato?

In conclusione: non mi sento avaro di link, non ho un blogroll “snob”, non tenete conto del mio consiglio.

Inoltre, per quanto riguarda la frase dell’amico Gaspar:

Ma se la pagina del blogroll è una pagina secondaria, non linkata da nessuno, con un PageRank molto più basso rispetto a quello del blog, i link in essa contenuti valgono meno per Google: quindi contribuiranno meno al PageRank dei siti linkati.

è vera se la pagina del blogroll ha PR inferiore alla homepage, ma nel mio caso non vale, dato che il PR della pagina dei link e quello della homepage sono uguali: 6, in entrambi i casi. I link in quella pagina contano esattamente come se fossero in homepage.

Quindi alla festa non vado a mani vuote. (Di solito porto focaccia genovese, BTW)

17 Commenti

Cala | #

Se risposta dovevi dargli , l’hai ammazzato ^_^
Grande Andrea

Tambu | #

ecco, la faccenda che la tua pagina dei link ha PR6, come la home, la trovo molto più interessante del “se hai Pr6 perchè hai o no il blogroll in homepage”… dato che non credo che qualcuno linki la tua pagina dei link, la cosa merita un’analisi… 🙂

Lukather | #

Esatto! Perchè la pagina dei link ha un PR così alto? mhhh
Comunque interessante discussione 🙂

Gaspar | #

Eccomi qui, nonostante sia stato ammazzato 🙂 penso che sarebbe interessante vedere se e come cambia nel tempo il pagerank della pagina secondaria, se non viene più aggiornata.

E un’altra cosa: il blogroll nel blog crea un effetto di accumulo dei link nell’archivio che non credo sia da disprezzare, anzi credo sia alla base del favore accordato da Google ai blog. Tambu, che ne dici?

Per finire, ho prenotato una sessione del barcamp Torino sull’argomento, spero ne venga fuori una bella/utile discussione.

Massimo Moruzzi | #

Bravo Gaspar! – ed è già cambiata. O mi hanno dato una Google Toolbar farlocca, o la pagina dei link è già scesa a pagerank 5, e la cosa non mi sorprende affatto, considerato che è una pagina a cui non linka nessuno tranne Andrea e che, per di più, si è ritrovata da un giorno all’altro a perdere pagerank a causa di tutti quei link verso altri siti (se la home guadagna in pagerank dal togliere i link verso gli altri, la pagina dei link ne perde, così, a logica).

Andrea | #

Qui non si ammazzano neppure le mosche, tanto per essere chiari, neh?
Tambu, in effetti me lo sono chiesto anche io.
Gaspar, la pagina secondaria è aggiornata costantemente ogni volta che modifico qualcosa nell’aggregatore…
Massimo: ho commentato da te, visto che hai fatto anche un post.

googlando | #

Io ti ho addirittura lasciato un commento in sul dotcoma. Leggendo anche questo post però, inizio a ripensarci… o quantomeno, ci penserò. Per la pulizia della home: secondo me hai azzeccato la strada giusta. Un ulteriore sfoltimento a me gradirebbe ancora di più, ma io son solo il suo gerundio 😉

(e mi correggo: la pagina dei link è a 5 di PR. L’ home a sei… è troppo dinamico sto’ Google però.. :D)

visto che sei un piccolo mago del WP/Google, e mio WP-maestro assoluto (occhei sono un cattivo allievo ma tant’è): perché pagine all’interno del blog hanno pr superiore rispetto alla homepage?

Massimo Moruzzi | #

visto, Andrea. hai ovviamente ragione per Bloglines.
per quanto riguarda il pagerank, invece, confermo che continuo a vedere la tua pagina dei link a PR 5.

biggi | #

minchia! ne va della sopravvivenza della blogopalla! pensa se a Torriero, moruzzi, mantellini &C scende il page rank a 4… cosa diranno alle rispettive mogli? cara, stasera non posso, ho il page rank a 4!
Ecco perché al Mantellini arriva tanto spam sul viagra

El Blogger's | #

Un altro motivo (meramente pragmatico) per spostare il blogroll e’ che in tal modo si legge meglio il blog, soprattutto da dispositivi mobili (es. Palmari) e quando il blogroll compare prima del contenuto a livello di codice (X)HTML.
Dato che lo schermo di un palmare e’ piuttosto piccolo e che scorrere il testo più’ macchinoso che con un mouse.

Tambu | #

avevo una teoria, ma ho aspettato fino ad oggi per esporla. L’ho appena confrontata con un amico SEO che ne sa anche più di me (non ci vuole molto).

il PR che vedi nella toolbar è solo un export trimestrale di un altro valore, il VERO PR, che invece è calcolato molto più frequentemente; il PR della tua home è un – diciamo – 6 “alto” (che ne so, 6,7 o 6,8) che presto o tardi diventerà un PR7 e che passa alle 4 pagine un PR6.

(che dici? me lo merito un link fisso dalla home appena diventi PR7? 😛 😛 😛 )

Andrea | #

La vedo difficile, l’unico blog con PR7 in Italia è Wittgenstein. Nal caso arrivassi a PR7, un link per la profezia, te lo meriti.

Tambu | #

eppure… 😉
c’è una questione di distribuzione del pagerank, e il fatto che il PR non è a somma zero… ovvero la somma di tutti i PR nel mondo, cresce col crescere del numero di siti. e più ce n’è, più se ne può distribuire… 😀

Stefano | #

Scusate se mi intrometto, ma vedo che siete esperti di PR (sicuramente sarete più esperti di me). Volevo chiedervi una cosa; se ad esempio un sito ha un pr3 nella sua home page e nella stessa pagina si trovano dei link testuali che riconducono alla home page stessa (oltre al link index nel menu’), eliminando questi link testuali, il pagerank dovrebbe salire e qundi non disperdersi con gli altri link o tutto cio’ non serve a nulla?
Scusate se non mi sono spiegato bene, ma cerco notizie in rete e sono tutte discordanti.

Ciao da Stefano e grazie mille