Andrea Beggi

Could you help me scratch my electric itch?

Collegamento da remoto alla console di un server

A T T E N Z I O N E ! Questo post ha piu' di sei mesi. Le informazioni contenute potrebbero non essere aggiornate.

A differenza di XP, Windows Server permette la connessione contemporanea di due sessioni di desktop remoto. Naturalmente è sempre possibile installare il servizio terminal in modalità applicazione, ma va pagato (profumatamente) a parte.
Se state lavorando direttamente dalla tastiera e monitor collegati al server e vi collegate con una sessione remota, non vedrete i pogrammi aperti dalla console, poiché è stata generata una nuova sessione separata.
La cosa è scomoda se avete iniziato una installazione, e dovete continuare il lavoro remotamente.
Per risolvere il problema è sufficiente lanciare il client di connessione al desktop remoto da linea di comando, impartendo:
mstsc /console
Procedete con i normali parametri per la connessione e vi ritroverete loggati alla sessione attiva in quel momento dalla console, e potrete riprendere da remoto il lavoro iniziato in locale.

16 Commenti

Luigi Molinaro | #

Per la serie ridondiamo al massimo le notizie ecco un altro trucco ctrl-brk quando si sovrappongono troppe finestre

marco | #

Spassionatamente consiglieresti il servizio terminal o vnc per la gestione “remota” di un server? per gestione intendo verifiche quotidiane ed eventualmente interventi software possibili senza recarsi in loco. I server che “maneggio” (tutti di aziende piccole) sono equamente distribuiti tra le due tecnologie, mi piacerebbe uniformare un po’ la cosa e so che un tuo suggerimento potrebbe indirizzarmi “per la retta via” 🙂

zimo | #

Volevo solo ringraziare per questo blog… e anche per questo consiglio.
Grazie AB!
Ciao

Nome | #

Oppure farsi un collegamento col target:
%SystemRoot%\system32\mstsc.exe -console
Il servizio terminal è decisamente più performante anche con connessioni lente.

nunzio | #

Rispondo al post di Marco del 16/11/2006 alle 09:08 approffitando dell’ospitalità del padrone di casa:

Personalmente ho sperimentato ambedue le soluzioni su una connessione VPN che si “affacciava” su una Wan di un nostro cliente. A parità di host raggiunto vnc sembrava più veloce di teminal server, inoltre vnc ti permette di avere la console dell’host remoto (a meno di non ricorrere al su citato “mstsc /console”).
Nel caso di vnc chi è seduto alla console dell’host remoto vede quello che stai facendo, mentre con terminal server ha solo la richiesta di logon, che se avvenisse ti farebbe saltare via la sessione, cosa non simpatica se lavori con una connessione lenta.
Questa ultima feature di vnc non è da scartare in quanto ti permette di fare formazione presso il cliente remoto interagendo con lui.

Spero di essere stato di aiuto.

Aloha

marco | #

Grazie nunzio (e grazie AB di lasciarci scambiare le opinioni :). Effettivamente vnc soprattutto la single click la uso molto quando il cliente chiama con frasi del tipo “clicco ma non funziona” 🙂
Per i server uso anche terminal server perchè con la funzione di mappare i dischi della macchina locale permette di fare una copia dei file (che vnc supporta benissimo). Comunque grazie della tua opinione, ne terrò sicuramente conto. Obligado!

mgscano | #

@ marco: se i siti remoti da gestire sono tanti, considera una soluzione come unicenter desktop management di CA. con il modulo per gli updates e quello per gli asset, riesci in una sola console a gestire anche gli aggiornamenti del software e tutte le garanzie coi vendor, da un unico punto. costa, ma a conti fatti, col tempo che risparmi, se hai abbastanza installazioni remote da gestire, mi sa che merita.

@@ beggi: cazzarola … oggi ho scoperto che siamo colleghi!!!! 😀

maga | #

grande Andrea,
fatalità settimana scorsa mi era successo di avere due connessioni attive sul server e non riuscivo più a collegarmi da remoto 🙂

maga | #

dimenticavo: ho un server Windows 2000 con installato il servizio terminal in modalità applicazione… se volessi aggiornarlo a Windows 2003 server devo acquistare le TSCAL?

marco | #

per mgscano: scusa il ritardo nella risposta, mi informo subito sul prodotto segnalato; per ora si tratta di una decina di clienti, ma (spero) possano crescere presto, ed è sempre meglio essere preparati 🙂
ciao e grazie della dritta.

Ara | #

Attenzione ad usare “mstsc /console”, soprattutto per installare del software. Ad esempio, MSDE2000+SP3 _non_ si installa tramite Terminal Server, neanche se si è connessi alla sessione 0 (col “/console”, appunto).
Quindi, purtroppo, non esiste un’alternativa Microsoft ai vari Dameware/VNC.


Ara

gener | #

ciao,
nell’articolo dici che è possibile installare i servizi terminal come applicazione….come si fa? dove li prendo?
Ho un xp media center edition su cui vorrei installare terminal
ma ho anche il cd di win2003 server…

tu che dici?

Alfonso | #

Salve gente…è la prima volta che vi scrivo….
Ho un dubbio….un windows server 2003 quante remote desktop supporta simultaneamente???
In pratica ho un cliente che dovrebbe creare un server con n. 7 client che dovrebbero funzionare in remoto col server predetto.
Per quanto riguarda il collegamento dei client, essendo a pagamento (licenza), potrei aggirare l’ostacolo installando un programmino chiamato xp unlimited (www.xpunlimited.com) che mi permetta la connessione dei 7 client simultaneamente al server????

Stefano | #

Ciao Andrea, ogni tanto quando faccio ricerche su google capito sul tuo blog ;-).
Ho questo problema. Ho una rete in ufficio con Win2k3.
Ho cambiato gestionale e ora gira sul server, mentre i client tutti XP, si collegano tramite terminal server.
Il problema è che vorrei personalizzare il desktop con cui gli utenti si connettono e non so come fare.
Ora un utente quando si connette in TS gli si presenta un desktop vuoto con la sola icona del gestionale, io però vorrei aggiungerci che so la calcolatrice e qualche altra utilità.
Sono perito informatico e gestisco la mia rete a tempo perso e purtroppo di TS non me ne intendo molto.
Sapresti consigliarmi eventualmente un buon libro da leggere al riguardo?
Grazie
Ste

lopez | #

Anche a me piacerebbe scoprire come personalizzare le sessioni remote degli utenti che si collegano tramite RDP ma credo ci sia un tool microsoft ma non so quale. Tra l’altro un consiglio, anche se a molti sarà noto: La bieca versione di win server 2003 SBS non permette collegamenti RDP se non al max 2 a sopi amministrativi e, se come è successo a me, vi trovate un cliente con un server 2003 SBS che ha necessità di collegarsi con più sessioni terminal la soluzione è una: FORMATTARE! Poi tra i vari tool di connessione io ho iniziato ad utilizzare log me in recentemente e devo dire chè è la soluzione più performante tra tutte a mio modesto parere. L’unica paura è che un giorno il “padrone” di log me in decida che la versione free diventa a pagamento…

christian | #

ciao andrea ,
ho configurato un server 2k sp4 come server di backup in un dominio 2003 , i processi di backup sono gestiti con un xcopy che copia da varie unita mappate , schedulato il processo nello scheduler di windos in una sessione terminal server questo presenta dei problemi nell’esecuzione , non interagisce col desktop , rimane in stato esecuzione senza partire mai , mentre dopo aver schedulato il processo con una sessione locale , questo si avvia normalmente , premetto il batch funziona in qualsiasi se lo eseguo manualmente , detto questo vorrei chiederti se ci sono delle differenze sostanziali che non conosco per esecuzionidi alcuni servizi in modalità terminal server