Andrea Beggi

You can fool some people sometimes but you can't fool all the people all the time.

Lucca Half Marathon 2016

A T T E N Z I O N E ! Questo post ha piu' di sei mesi. Le informazioni contenute potrebbero non essere aggiornate.

MedagliaMi sveglio alle 5, per fortuna è tutto già pronto e alle 5:30 sono in viaggio; l’autostrada è vuota e arrivo a Lucca in anticipo. Ne approfitto per a) fare due passi in centro e intanto b) ritirare il pettorale c) lasciare l’auto aperta.

Nel frattempo arriva Andrea, torno al parcheggio, chiudo la macchina e torniamo in centro. Al ritiro del pacco gara scopro che le maglie “L” sono terminate, ma poco male: è una delle maglie più brutte che mi abbiano mai dato; peccato perché il materiale è buono, ma i colori sono inguardabili. Il deposito borse è in una specie di seminterrato medievale buio e umido, pieno di gente seminuda che si cambia.

Pronti, ci spostiamo nei pressi della partenza che è direttamente sulle Mura di Lucca; il percorso prevede il giro sulle Mura, poi la circonvallazione all’esterno di esse e infine l’ingresso in centro, il tutto da percorrere due volte. Ci scaldiamo sommariamente e veniamo raggiunti per un saluto dal terzo Andrea della giornata. C’è molta gente, direi sulle 1.500 persone, e molti sono locali.

La partenza è abbastanza lenta e la media ne risente, dopodiché ci assestiamo sui 5 minuti a chilometro. La prima metà della gara sto davanti perché Andrea non è sicuro della sua forma e ha qualche difficoltà nelle prime fasi delle sue corse; io mi sento bene e procediamo senza grossi problemi. A partire dal decimo chilometro comincio ad accusare la fatica; dico ad Andrea che terrò fin che posso e che lui può andare, se vuole. A questo punto lui mi passa, si piazza due metri davanti a me e lì resterà fino alla fine, controllando come mi sento di tanto in tanto. Io ho deciso di  mantenere il ritmo finché reggerò e quando sarà il momento mi porrò il problema, per ora spingo, soffro, e vado avanti.

La strategia sembra dare i suoi frutti, perché mi aspetto di crollare da un momento all’altro ma non succede, la presenza di Andrea mi aiuta e mi carica mentre uso le mie tecniche Zen per separare la sofferenza dal piacere, per isolare la fatica e ignorare i segnali negativi.

Al secondo ingresso in centro mancano ormai pochi chilometri, la gente ci incita e ci saluta, c’è molto calore e tutti sembrano contenti; a questo punto la gara comincia a sembrarmi lunga e questo è un segnale che le energie stanno per finire poiché la mezza maratona è una distanza che ormai ho in testa, la conosco ed è agevole. Questa è la mia sedicesima e la Mezza Maratona ha ormai poche sorprese per me; il fatto che i due chilometri finali mi sembrino infiniti la dice lunga sul fatto che sono in riserva. Decido di bruciare tutto quello che ho e strappiamo l’ultimo chilometro come il più veloce di tutti, e la differenza va a compensare il tempo che abbiamo perso all’inizio per la ressa.

A parte l’ultimo km, per tutta la gara siamo stati due cronometri, con la differenza di pochi secondi giro su giro, dividendo il percorso in due metà perfette; siamo anche partiti molto indietro e durante la seconda metà rimontiamo quasi 140 posizioni. Soddisfatti, tagliamo il traguardo a 1h e 45m e riceviamo una medaglia bellissima (che compensa la maglia).

La Lucca Half Marathon è una bella corsa pianeggiante in un luogo suggestivo, ben organizzata, che si snoda lungo un percorso bellissimo con molto verde e molte persone festanti; è una bella esperienza che consiglio a chi si volesse cimentare su questa distanza tutto sommato accessibile a molti.

Per quanto mi riguarda ho chuso nel tempo che più o meno mi aspettavo e che rispecchia il mio stato di forma e gli allenamenti sommari che sto facendo in questo periodo; la parte impostante è che mi sono divertito e ho corso una gara in un contesto molto bello. Tra cinque giorni ne ho un’altra, sul mare, e non vedo l’ora.

2 Commenti

Andrea Barattini | #

Bellissimo racconto Andrea, mi hai fatto sentire importante, e, per me, che sono un novellino della corsa, la cosa non può che farmi immenso piacere. Spero di rivivere ancora queste bellissime emozioni in futuro in tua compagnia, e in compagnia dei tantissimi runner che come noi vincono (perché noi ieri abbiamo vinto) ogni domenica.

FABRIZIO | #

ciao Andrea,
la mezza fra cinque giorni dove si svolgerà?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *