Andrea Beggi

We live in a society exquisitely dependent on science and technology, in which hardly anyone knows anything about science and technology.

ASUS ZenWatch 2

ASUS ZenWatch 2Grazie al solito Massimo, ho avuto modo di provare per un paio di settimane un ASUS ZenWatch 2. Si tratta di un orologio Android Wear di ultima generazione, con uno schermo lucido da 1.63″ e un bel cinturino in pelle; la cassa è in metallo brunito e la costruzione sembra robusta. Tutti i materiali sono di ottima qualità e l’assemblaggio è perfetto. Dal modo in cui è fatta la cassa credo che si possa adattare un cinturino normale di misure standard. L’ho testato potendolo paragonare al mio Sony SmartWatch 3, di sui sono soddisfatto.

Il display è sufficientemente luminoso, anche se la risoluzione non è sufficiente a eliminare del tutto un leggero effetto “sgranato” al quale ci si abitua, ma si percepisce che la tecnologia di oggi sarebbe in grado di far meglio di così.

Il punto chiave è in realtà Android Wear, che si integra perfettamente con uno smartphone Android, permette di rispondere alle mail sia a voce sia tramite risposte preconfezionate, di rispondere ai messaggi delle applicazioni di messaging supportate (Es: SMS, Messenger, WhatsApp, Hangout) semplicemente dettando e in alcuni casi (WhatsApp) anche di creare direttamente un messaggio. Naturalmente notifiche e interazioni con lo smartphone sono perfettamente supportate. ZenWatch 2 è dotato di un microfono con cui si può anche telefonare.

La ricarica è molto veloce, dura un paio di giorni ed avviene tramite un pratico connettore magnetico che si aggancia alla cassa dell’orologio. La personalizzazione del quadrante è pressoché infinita: secondo il vostro gusto si va dall’indicazione superminimal delle sole 4 cifre di ore e minuti, alle peggiori baracconate cyberpunk, ed il bello è che si può cambiare in un secondo, spaziando tra le decine e decine disponibili sul Play Store. Le applicazioni compatibili con Wear si sincronizzano con l’orologio e le appaiono nel menù dell’orologio.

Il riconoscimento vocale è perfetto tramite Google Now; è possibile fare domande e dettare semplici comandi che vengono riconosciuti senza mai fare errori. Le funzionalità di riconoscimento vocale di Android migliorano di giorno in giorno e questi orologi sono perfettamente al passo: quando si detta un messaggio con una voce e una velocità normale il risultato è sorprendente e con un po’ di pratica si riesce a ottenere anche una punteggiatura decente.

Prima di cominciare ad usare questi oggetti ero scettico sulla loro utilità, ma ci hanno messo poco a conquistarmi: è estremamente comodo ricevere mail, messaggi e notifiche con discrezione senza dover sempre estrarre il telefono; l’uso in auto sfiora la perfezione: si legge il messaggio con una breve occhiata (o un tap se è lungo), e con due swipe si sceglie la risposta da un elenco, oppure la si detta, e viene automaticamente mandata pochi istanti dopo. Se si decide di silenziare il telefono, tutti gli avvisi arrivano tramite una vibrazione al polso che è ancora più discreta di quella del telefono. C’è anche una “modalità cinema” che non fa accendere il display in caso di notifiche. In opzione, è possibile comandare l’orologio tramite una serie di gesture che si sostituiscono agli swipe orizzontali o verticali. Perfino la navigazione di Google Maps appare sul display e permette di arrivare a destinazione senza guardare il telefono: comodissimo quando si è a piedi!

Tutte le operazioni e le risposte sono rapide, fluide e naturali grazie alle prestazioni di ZenWatch, che non ha mai mostrato incertezze, blocchi o rallentamenti. Il collegamento tra ASUS ZenWatch 2 e lo smartphone avviene tramite Bluetooth; la ricezione è ottima e si può anche lasciare l’orologio nella stanza fianco senza perdere la connettività.

In questo momento mi sembra che i produttori non abbiano ancora messo le grinfie sull’interfaccia di Android Wear come purtroppo fanno con i loro telefoni e c’è poca differenza tra un orologio Android e un altro, salvo le prestazioni. La partita si gioca sull’estetica e la qualità, sui cinturini, il display e la durata della batteria. In tutti questi campi a mio parere ASUS ZenWatch 2 eccelle (tranne per il display forse migliorabile) ed è un oggetto che sicuramente può dare soddisfazioni a chi usa intensamente il proprio smartphone Android.

fbNota a margine: è più o meno tutta la vita che aspetto un computer/telefono al polso, e finalmente è arrivato. Adesso tiratemi fuori un jetpack.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *