Pingare con Splinder, Blogger e Typepad

Come evidenziato nel post precedente, alcune piattaforme non lasciano grande libertà nella scelta dei servizi da pingare, oppure non ne pingano affatto.
Se usate Splinder, Blogger, Typepad o un’altra piattaforma pubblica, di solito non avete un vero controllo sui vostri feed e sui servizi che vi interessa pingare.
Per fortuna il problema è facilmente aggirabile attraverso FeedBurner.
FeedBurner è un servizio (gratuito) che legge il vostro feed e lo ricrea aggiungendo una serie di funzionalità fortemente personalizzabili.
Registrate il vostro feed su FeedBurner, andate nella pagine di gestione del feed, e scegliete la scheda “Publicize”.
Cliccate su “PingShot”, selezionate almeno Ping-o-matic ed aggiungete dal menu a discesa i servizi che desiderate, poi cliccate su “Activate”, ad avete finito. Qui trovate spiegazioni tecniche.
Non c’è necessità che i vostri lettori cambino l’indirizzo dei vostri feed, possono continuare a leggere i vecchi. Ma da ora in poi FeedBurner visiterà il vostro blog ogni mezz’ora e, se avete postato, notificherà a Ping-o-matic le novità. A sua volta Ping-o-matic farà il suo lavoro pingando per voi tutti i maggiori servizi di update.
Se desiderate, potete personalizzare completamente i vostri feed e notificare ai vostri lettori il cambio di indirizzo.
Gli utenti di WordPress hanno la possibilità di non cambiare l’indirizzo dei feed, seguendo questa guida. Continua a leggere

MTU discovery: prova pratica

Dopo la teoria, facciamo una prova pratica sull’MTU, visto che l’unico strumento che serve è il comando ping.
Per comodità mia utilizzo il terminale di un server Ubuntu, ma si può utilizzare tranquillamente il prompt dei comandi di Windows, sebbene con sintassi diversa.
Anzitutto controlliamo il valore dell’MTU della scheda di rete(*):

root@ginger:~$ ifconfig eth0 | grep MTU
         UP BROADCAST RUNNING MULTICAST  MTU:1500  Metric:1

Ok, è 1500 per default. (Per Windows possiamo utilizzare l’utility gratuita DrTCP.) Continua a leggere

Ho postato, adesso pingo!

Esiste una serie di servizi che si occupano di tenere traccia delle relazioni tra i blog, sia in termini di contenuto che di link, oppure offrono servizi aggiuntivi che migliorano la dotazione “base” della nostra piattaforma. Alcuni esempi sono: Technorati, FeedBurner, MyYahoo, Blogrolling, BlogStreet, NewsGator, e molti altri.
I blog sono moltissimi, e non è possibile per questi servizi visitarli tutti periodicamente; è molto più pratico che essi siano “avvertiti” dell’esistenza di nuovi post da indicizzare. Devono essere “pingati”, come si dice in gergo bloggheresco.
Ogni volta che scrivete un nuovo post, sarebbe opportuno che fosse notificato a questi servizi, in modo che essi vengano a visitare il blog per indicizzarne il contenuto.
Con questo sistema, si riduce enormemente il traffico e la banda necessaria, poichè i loro spider si muovono solo quando è necessario.
Perché è utile essere listati da questi servizi? Essi aiutano a tessere la trama delle relazioni che si stabiliscono tra i blog, ad esempio aggiornando un blogroll sul sito di qualcuno, oppure informandolo che in un post si parla di lui e così via. In definitiva ci aiutano a diffondere meglio ed in maniera più completa i nostri contenuti, e ci portano anche traffico.
Le piattaforme più recenti e diffuse supportano automaticamente il ping ad uno o più servizi, che vanno inseriti in un box apposito, ad esempio in WordPress bisogna popolare la casella Update Services che si trova nel menu Options -> Writing.
Questi servizi sono tanti, e pingarli tutti rallenterebbe molto la pubblicazione del post. Per ovviare a questo inconveniente possiamo utilizzare Ping-o-matic, tramite il suo servizio RCP. Per farlo basta aggiungere alla casella l’indirizzo http://rpc.pingomatic.com/.
Ping-o-matic agisce come un proxy, pingando a sua volta per nostro conto tutti i più diffusi servizi. Sulla homepage trovate la lista.
Le piattaforme pubbliche tipo Splinder, Blogger e Typepad non hanno la possibilità di pingare automaticamente, se volete farlo dovete inserire a mano, ogni volta, il nome e l’url del blog su Ping-o-matic, ma esiste una soluzione e ne parlerò in un prossimo post. Continua a leggere

Come usare Google Blog Search

Del lancio di Google Blog Search ne hanno parlato circa la metà dei blog che leggo, quindi passiamo a qualcosa di costruttivo: cosa ci facciamo con questo nuovo giocattolo?
Vediamo, ad esempio, come utilizzarlo per emulare il servizio che Technorati chiama “Blogs that link here” (Il link è l’esempio per il mio blog, aspettate un po’ perchè non è velocissimo).
Inserite nel campo di ricerca la stringa: link:http://indirizzo_del_vostro_blog, ed avrete l’elenco dei blog che vi hanno linkato, in ordine cronologico, partendo dal più recente.
Andate in fondo alla pagina, troverete i link per i feed Atom e RSS della ricerca appena fatta, per 10 o 100 risultati. Scegliete quello che volete e inseritelo nel vostro aggregatore, appena Google troverà un blog che vi linka, il feed vi avvertirà che c’è qualcosa di nuovo.
Ma come fare per far si che Google Blog venga a visitare il nostro blog? Non esiste alcun form di registrazione, per ora, semplicemente il motore controlla weblogs.com, un “update service”, e controlla i post segnalati.
Per segnalare i vostri post a weblogs.com dovete “pingare” il servizio, in modo che sappia che avete appena pubblicato qualcosa.
WordPress può essere configurato perchè questa operazione avvenga automaticamente: nel menu Options –> Writing, nella sezione Update Services, inserite http://rpc.pingomatic.com/.
Ping-o-matic è un servizio che si occupa di segnalare i vostri nuovi post ai principali “update services”, senza che voi lo dobbiate fare manualmente.
Se la vostra piattaforma non supporta questa funzione, potete comunque pingare i servizi a mano usando il form in homepage di Ping-o-matic. Continua a leggere